ASSUNZIONI E CESSAZIONI: gennaio e febbraio 2016 OCCUPATI A TEMPO INDETERMINATO IN CALO DEL 34%, VOUCHER ANCORA IN CRESCITA. L’ALLARME DELLA CGIL SULL’USO SELVAGGIO DI QUESTA TIPOLOGIA DI ASSUNZIONE

   CGIL Marche    IRES Marche  ASSUNZIONI E CESSAZIONI: gennaio e febbraio 2016 OCCUPATI A TEMPO INDETERMINATO IN CALO DEL 34%, VOUCHER ANCORA IN CRESCITA. L’ALLARME DELLA CGIL SULL’USO SELVAGGIO DI QUESTA TIPOLOGIA DI ASSUNZIONE   Ancona, 21 aprile 2016 – Nei primi due mesi del  2016, le aziende marchigiane hanno assunto 20.878 persone, il 12% in meno rispetto allo stesso periodo 2015. La maggior parte dei neo assunti ha un contratto a termine (74%), il 20% è stato assunto con un contratto a tempo indeterminato e solo il 6% come apprendista.   Le trasformazioni di contratti di apprendistato in contratti a tempo indeterminato sono state 653 con un incremento del 41% rispetto al 2015. Le trasformazioni dei tempi determinati in contratti stabili ammontano a 1.735, il 9% in meno rispetto al gennaio 2015. E’ il quadro che emerge dai dati dell’Osservatorio sul precariato dell’Inps, elaborati dall’Ires Marche.   Le cessazioni di lavoro sono state 15.164 con la creazione di un saldo positivo “assunzioni – cessazioni”  (pari a 5.714 posti di lavoro) ma solo in termini complessivi: il saldo tra assunzioni e cessazioni per i contratti a tempo indeterminato continua ad essere negativo (-1.606). Il numero di voucher venduti a gennaio e febbraio 2016 nelle Marche è di oltre 805mila, il 36,8% in più rispetto al lo stesso periodo del 2015.   Rispetto ai valori medi osservati per il centro Italia e per il Paese nella sua totalità, la situazione delle Marche è peculiare:           le assunzioni a tempo indeterminato si riducono ovunque ma nelle Marche la contrazione è più marcata che per la media italiana (-34,2% contro 33,5%)          le assunzioni a tempo indeterminato nelle Marche costituiscono una percentuale più bassa delle assunzioni totali rispetto all’incidenza rilevata nel centro Italia e in totale nel Paese (20% contro 26,8% e 27,2%)          lo scenario è speculare se si considerano le assunzioni a tempo determinato con i contratti a termine che nelle Marche sono il 74% del totale contro il 67,9% del centro Italia ed il 68,3% come media nazionale           la variazione positiva nel numero di voucher venduti  tra i primi due mesi del 2015 ed i primi due mesi del 2016 nelle Marche è più contenuta (+36,8% Marche, +47,3% centro Italia, +45,2% Italia).   “Analizzando i dati dell’occupazione nelle Marche emerge un quadro allarmante – dichiara Giuseppe Santarelli, segretario regionale Cgil Marche -; in soli due mesi si perdono più di 1.600 posti di lavoro a tempo indeterminato mentre aumenta il lavoro a tempo determinato e il lavoro accessorio”. Santarelli continua: “Gli incentivi del governo sul contratto a tutele crescenti sono costati nelle Marche circa 500 milioni di euro; se si confermerà il trend dei primi mesi del 2016, in poco più di 10 mesi si azzererà tutta l’occupazione creata nel 2015.  Immaginiamo cosa si sarebbe potuto fare in termini di investimenti pubblici con 500 milioni di euro in una regione come la nostra; è sempre più evidente che le politiche del governo non stanno producendo effetti positivi”. Secondo Santarelli, “si conferma complessivamente un andamento dell’occupazione nelle Marche peggiore rispetto alla media nazionale e continua a dilagare l’uso dei voucher, ormai utilizzati in tutti i settori. La Regione convochi un tavolo urgente per analizzare il fenomeno, coinvolgendo gli organi ispettivi per verificare e contrastare l’utilizzo selvaggio anche nel settore degli appalti,  dell’edilizia e del turismo.” 
 
 

Lascia un tuo commento