Trasporti, l’allarme della Filt Cgil (Talevi): “Marche sempre più a rischio isolamento. Tutto sta procedendo a rilento. Troppo”

Trasporti, la Filt Cgil Marche lancia l’allarme:  la regione  sempre  più a rischio di isolamento. Si comincia dal porto.  Dichiara Valeria Talevi, segretaria generale Filt Cgil Marche: “Da oltre un anno, lo scalo dorico è senza presidente: a dicembre 2021 il ministro Giovannini ha firmato per la nomina di Garofalo entro febbraio. Auspichiamo che l’insediamento avvenga nei tempi previsti, al di fuori di logiche spartitorie in quanto il porto di Ancona è una grande realtà produttiva. Il commissario, per quanto figura autorevole, ha poteri limitati”.  L’interconnessione tra porto, aeroporto e Interporto resta ancora solo sulla carta, “si procede a pezzi e il progetto è lungi dall’essere completato”. L’aeroporto, tra l’altro, non è ancora in grado di svolgere quel ruolo strategico che gli è stato assegnato perché “non adeguatamente collegato agli hub internazionali con voli domestici per Milano e Roma”. Inoltre, l’interconnessione “servirebbe al cargo aereo utilizzato dalle multinazionali dell’e-commerce”. Purtroppo, ancora “il Sanzio sconta la mancata ripartenza dei voli dovuta alla pandemia e le mancate risorse da parte della Regione destinate all’apertura della crisi sanitaria del 2020”. Quanto all’Interporto,”nonostante i proclami, ha un’attività ridotta al minimo”. 

A complicare la situazione è ora l’aumento dei combustibili da trazione e quello delle materie prime. “Così si rischia di vanificare – sottolinea Talevi – la ripartenza di alcuni settori dei trasporti, già fiaccati dalla crisi e metterne a repentaglio anche l’occupazione”. Per questo, “è importante attivare i fondi del Pnrr da utilizzare per mettere mano, una volta per tutte, ai trasporti e alle infrastrutture delle Marche, guardando il tutto in modo prospettico e globale con la partecipazione di tutti”. Tra l’altro, proprio il nodo dei trasporti pubblici e locali è al centro dello sciopero del settore, in programma il 25 febbraio.

 “Occorre un intervento della Regione  – dice Talevi –  soprattutto oggi dopo la pandemia che ha determinato mancati ricavi da traffico e il rimborso dei titoli di viaggio. Prima ancora del Covid, non dimentichiamoci dei tagli al settore”.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.