Blocco dei lavori sull’A14

FILLEA-CGIL   FILCA-CISL   FENEAL-UIL Segreterie Provinciali Ancona    Il giorno 3 Luglio 2013, a seguito dell’incontro con Autostrade per l’Italia, ci è stata comunicata dalla stessa la risoluzione del contratto d’appalto nei confronti del Consorzio Stabile Samac. Nel corso dell’incontro Autostrade per l’Italia,  ha continuato a ribadire la volontà  di far riprendere celermente i lavori nella tratta interessata al blocco anche con l’impegno di garantire i livelli occupazionali tuttavia come OO.SS. di settore rimaniamo fortemente preoccupati per l’attuale situazione in quanto qualora si arrivasse ad una nuova gara di appalto si determinerebbe un blocco lavori di circa 3 anni con forti ripercussioni negative occupazionali ed economiche. Pertanto le OO.SS. reputano necessario un percorso di ripresa dei lavori il più breve possibile con risposte chiare e certe sul riavvio dei lavori e sulla rioccupazione dei circa 130 dipendenti del Consorzio Samac, a maggior ragione dopo che le due Aziende, socie del Consorzio Samac, hanno dichiarato nei giorni scorsi di non poter garantire nessuna rioccupazione immediata presso altri loro cantieri. La forte preoccupazione è rivolta anche verso gli altri circa 350 lavoratori tra subappalti ed indotto che attualmente non avendo una visione chiara sui tempi di ripresa dell’opera non hanno alcuna prospettiva  per la futura occupazione. Una prospettiva che manca anche per il territorio visto che ad oggi l’unica cosa che Autostrade ha potuto garantire sono solo dichiarazioni di intenti e nessun  impegno concreto.Visto il possibile prolungato blocco dei lavori e l’incertezza occupazionale che si determinerà, le OO.SS. assieme alle RSU di cantiere e ai lavoratori chiedono nel più breve tempo possibile un incontro congiunto con i soggetti istituzionali, quali Ragione Marche e Ministero delle Infrastrutture, e la società Autostrade per l’Italia per poter delineare nel più breve tempo possibile un percorso certo e chiaro sui tempi di ripresa dell’opera e sulla rioccupazione dei circa 130 lavoratori del Consorzio Samac più i 350 lavoratori dell’indotto. 

Lascia un tuo commento