OLTRE 38 MILIONI DI ORE DI CASSA INTEGRAZIONE NELLE MARCHE: GIA’ SUPERATI I LIVELLI RECORD DELL’INTERO ANNO 2012

CGIL Marche   IRES Marche  OLTRE 38 MILIONI DI ORE DI CASSA INTEGRAZIONE NELLE MARCHE: GIA’ SUPERATI I LIVELLI RECORD DELL’INTERO ANNO 2012 Dai dati resi noti dall’INPS ed elaborati dall’IRES CGIL Marche risulta che a ottobre 2013 sono stati richiesti nelle Marche 3,5 milioni di ore di cassa integrazione, di cui 1,5 milioni di ore di CIG ordinaria, 1,6 milioni di ore CIG straordinaria e 500 mila ore di CIG in deroga. Rispetto a ottobre 2012 le ore di CIG sono aumentate del 25,2%, mentre si riducono leggermente rispetto ai valori raggiunti nel mese di settembre (-4,3%).Nel periodo da gennaio a ottobre sono stati richiesti nelle Marche oltre 38 milioni di ore di cassa integrazione. “In soli dieci mesi sono già stati superati i livelli record di cassa integrazione dell’intero anno 2012 – dichiara Daniela Barbaresi, segreteria della CGIL Marche -: Un numero di ore equivalente al mancato lavoro di 25 mila lavoratori a tempo pieno: sono i dati drammatici di una crisi che sta dilaniando il tessuto produttivo marchigiano e con esso la condizione di migliaia di lavoratori e lavoratrici”. Osservando le singole tipologie di cassa integrazione si osservano le seguenti tendenze: Le ore di Cassa integrazione ordinaria per il periodo gennaio-ottobre del 2013, pari a 13,5 milioni, sono più che raddoppiate rispetto allo stesso periodo del 2012 (+50,1%), con incrementi che interessano tutti i settori produttivi. I volumi più significativi di CIGO si registrano nella meccanica (complessivamente 6,1 milioni di ore, triplicati rispetto allo stesso periodo del 2012); seguono i settori del mobile (1,5 milioni di ore, raddoppiate rispetto al 2012), del calzaturiero (800 mila ore), abbigliamento (500 mila ore) e chimico (400 mila ore). Le ore di Cassa integrazione straordinaria nei primi 10 mesi del 2013 sono pari a 10,5 milioni, di poco superiori allo stesso periodo del 2012 (+3,5%). I settori con il maggior ricorso alla CIGS sono la meccanica e il mobile (rispettivamente con 4,9 milioni e 1,2 milioni di ore complessivamente richieste), settori in cui si registra un calo delle ore di CIGS. Volumi elevati di CIGS, peraltro in significativa crescita, si osservano invece per i settori della chimica (1 milione di ore), dei minerali non metalliferi (700 mila ore) e del calzaturiero (600 mila ore). Il ricorso alla CIG in deroga nei primi 10 mesi dell’anno è quantificabile in 14,6 milioni di ore, in significativa crescita rispetto al 2012, nonostante le forti incertezze relative al finanziamento da parte del Governo di questo tipo di ammortizzatore; crescita che si registra in quasi tutti i principali settori. I volumi più elevati si osservano nella meccanica (2,7 milioni di ore complessive), nel calzaturiero (1,9 milioni di ore) e nel mobile (1,4 milioni di ore). “Questi dati evidenziano in tutta la loro drammaticità la necessità e l’urgenza di interventi a sostegno del lavoro e dell’occupazione – aggiunge Daniela Barbaresi -. In particolare è urgente che il Governo rifinanzi gli ammortizzatori in deroga per coprire i fabbisogni delle piccole aziende fino alla fine dell’anno. Le risorse assegnate alle Marche con il recente decreto del Ministero, pari a 14,7 milioni di euro, servono a malapena a coprire le ore di cassa integrazione dei mesi appena trascorsi e restano ancora da coprire due lunghi mesi fino alla fine dell’anno”. Immediato e adeguato rifinanziamento della cassa integrazione, diminuzione delle tasse a lavoratori dipendenti, pensionati e imprese che creano buona occupazione, taglio della spesa pubblica improduttiva e al contempo riqualificazione dell’insieme dei servizi, valorizzando i dipendenti pubblici: sono queste le richieste di CGIL, CISL e UIL alla base dello sciopero generale di 4 ore che nelle Marche si terrà venerdì 15 novembre con manifestazioni provinciali a Fabriano, Pesaro, Macerata, Ascoli Piceno e Fermo.  Ore CIG nelle Marche nel periodo GENNAIO-OTTOBRE degli anni 2008-2013   2008 2009 2010 2011 2012 2013 diff.  2013-12 % 2013/12 ordinaria 1.806.733 10.790.261 7.018.190 4.324.038 6.742.279 13.524.571 6.782.292 50,1% straordinaria 2.990.232 5.842.006 8.917.179 8.162.601 10.163.001 10.536.478 373.477 3,5% in deroga 600.455 1.418.275 16.598.704 11.076.786 13.033.261 14.662.620 1.629.359 11,1% TOTALE 5.397.420 18.050.542 32.534.073 23.563.425 29.938.541 38.723.669 8.785.128 22,7% Elab. IRES CGIL Marche – dati INPS 

Lascia un tuo commento