Riforma del diritto allo studio: incontro sindacati e studenti in Regione. La disponibilità del consiglio ad approfondire il tema, la chiusura totale della Giunta

  CGIL   CISL   UIL Segreterie regionali Marche  Riforma del diritto allo studio: incontro sindacati e studenti in Regione. La disponibilità del consiglio ad approfondire il tema, la chiusura totale della Giunta  Si è tenuto l’altro ieri, presso il consiglio regionale, l’incontro sulla riforma del diritto allo studio, convocato, su richiesta delle organizzazioni sindacali e studentesche, dal Presidente del consiglio; all’incontro hanno partecipato i capigruppo consiliari, il presidente della prima commissione e l’assessore regionale al diritto allo studio,  Cgil,Cisl e Uil  Marche, confederali e di categoria, una delegazione delle Rsu degli Ersu e una delegazione degli studenti.Il sindacato ha ribadito la sua posizione che ha l’obiettivo di migliorare e armonizzare i servizi a favore degli studenti , la gestione diretta dei servizi da parte della Regione all’interno di un sistema unico  articolato territorialmente, un assetto che eviti ulteriori esternalizzazioni, la dequalificazioni dei servizi e  ricadute negative per i lavoratori dipendenti, diretti o impiegati negli appalti.Perciò, i sindacati non condividono la scelta del convenzionamento con consorzi pubblico-privati  per la gestione dei servizi ed il relativo distacco dei lavoratori a tali organismi, fra l’altro con modalità anche impraticabili giuridicamente ed hanno sottolineato che, rispetto alla proposta di legge, così come si sta delineando in commissione, vi è la netta contrarietà anche della gran parte degli studenti e degli atenei.I sindacati hanno richiesto alla Giunta ed alla Commissione di riaprire il confronto con tutti i soggetti coinvolti per arrivare ad una sintesi  condivisa modificando  l’impianto della proposta di legge.Analoga posizione è stata espressa dagli studenti, che hanno affrontato, in particolare, i temi dei servizi e della governance.La richiesta di riaprire il confronto è stata raccolta dai capogruppo del Pd e della Lega, unici ad intervenire, e dal presidente della prima commissione, che comunque ha richiamato il lavoro svolto, l’impianto del provvedimento e l’intenzione di arrivare all’approvazione della norma entro  gennaio.L’Assessore al diritto allo studio, invece, parlando anche a nome del presidente della giunta, ha dichiarato l’indisponibilità a ridiscutere l’impianto del provvedimento, confermando gli orientamenti assunti, con argomentazioni che avvalorano ulteriormente tutte le preoccupazioni del sindacato rispetto alla volontà della giunta di deresponsabilizzarsi e di prefigurare una prospettiva nella quale la gestione dei servizi, il destino dei lavoratori e le risorse impiegane saranno sempre più incerte ed al di fuori di un controllo democratico.In attesa di conoscere le eventuali decisioni che assumeranno a proposito sia la giunta sia il consiglio regionale, i sindacati proseguiranno con le iniziative di mobilitazione , completando gli incontri già avviati con i sindaci ed i rettori e  mantenendo l’intenzione, qualora ve ne fosse la necessità, di intensificare le iniziative anche attraverso il coinvolgimento diretto dei lavoratori. 

Lascia un tuo commento