Workers Buyout: accordo CGIL CISL UIL Marche e Alleanza Cooperative per promuovere le imprese recuperate

Dalla volontà comune di promuovere la nascita di imprese recuperate in forma cooperativa nasce l’Accordo sottoscritto da CGIL CISL UIL Marche e Alleanza delle Cooperative delle Marche (Agci, Confcooperative, Legacoop). L’intesa è stata voluta per organizzare azioni comune che favoriscano la creazione di aziende “workers buyout” ossia quelle che vengono costituite dai lavoratori di un’impresa in crisi. Una forma di rinascita del lavoro e dell’economia in cui i lavoratori si trasformano in soci diventando artefici del proprio destino imprenditoriale. L’intesa è stata siglata in Regione alla presenza dell’Assessore regionale alle Attività economiche e cooperazione, Mirco Carloni, a cui sindacati e rappresentanti di cooperative hanno illustrato contenuti e motivazioni.

Le imprese recuperate possono essere un’opportunità per risolvere difficoltà nei casi di ricambio generazionale nella gestione dell’azienda di carattere famigliare, in situazioni in cui è previsto l’utilizzo di beni confiscati alla criminalità organizzata e in aziende in cui i titolari intendano trasferire la proprietà o la gestione ai lavoratori dell’impresa stessa.

L’accordo fra sindacati e associazioni cooperative prevede, quindi, la costituzione di un Tavolo di confronto regionale, con il coinvolgimento della Regione e delle altre istituzioni di riferimento, ente camerale, associazioni di categoria, investitori istituzionali nazionali, in cui poter valutare la possibilità di nascita di imprese recuperate in forma cooperativa da singoli casi di crisi aziendali. Con l’intesa, sindacati e cooperative si impegnano a svolgere un monitoraggio periodico delle crisi d’impresa che interessano il territorio marchigiano favorendo il contatto fra i soggetti coinvolti con strumenti finanziari di patrimonializzazione e di finanziamento economico. Fra gli obiettivi dell’accordo anche la promozione di attività di sensibilizzazione e di iniziative formative finalizzate alla creazione di imprese recuperate. Cooperative e sindacati hanno proposto alla Regione Marche, nella figura dell’assessore Carloni, di creare uno specifico fondo rotativo destinato a sostenere le esperienze di imprese rigenerate e la costituzione di una task force operativa per rendere concrete queste opportunità di rinascita di aziende. L’Assessore Carloni ha dichiarato il suo interesse al tema ipotizzando anche un futuro bando specifico per la creazione di queste imprese. 

Lascia un tuo commento