ENERGIA E PETROLIO: PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO  I SINDACATI CHIEDONO UN AUMENTO DI 160 EURO NEL TRIENNIO 2013-2015

Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uilcem-Uil  ENERGIA E PETROLIO: PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO I SINDACATI CHIEDONO UN AUMENTO DI 160 EURO NEL TRIENNIO 2013-2015Lo ha deciso oggi a Roma l’assemblea dei quadri e delegati di Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uilcem-Uil  Roma, 30 ottobre 2012 – “Per tutelare il potere di acquisto dei salari reali dei lavoratori falcidiati dalla crisi, ci vogliono almeno 160 euro medi mensili (cat.4.3) nel triennio 2013-2015, oltre ad un incremento – a carico delle imprese – dello 0,20% della previdenza complementare (“Fondenergia”) e 4 euro in più a notte per i lavoratori in turno notturno”:  è questa la richiesta salariale complessiva avanzata ufficialmente oggi a Roma  dall’ Assemblea nazionale dei 300 quadri e delegati Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uilcem-Uil per il rinnovo del contratto energia e petrolio (oltre 35.000 i lavoratori interessati) in scadenza il 31 dicembre 2012, le cui trattative con Confindustria-Energia sono già in corso. Per quanto riguarda il prosieguo della trattativa si confermano i punti presenti nella piattaforma approvata. 

Lascia un tuo commento