INDAGINE DELLA FLC CGIL ANCONA SU POLITECNICA: I RISULTATI OGGI IN UN CONVEGNO ALLA FACOLTA’ INGEGNERIA DI ANCONA

FLC CGIL ANCONA  INDAGINE DELLA FLC CGIL ANCONA SU POLITECNICA: I RISULTATI OGGI IN UN CONVEGNO ALLA FACOLTA’ INGEGNERIA DI ANCONA Si  è svolto oggi, presso l’aula magna della Facoltà di Ingegneria di Ancona il convegno “Lavorare bene..lavorare meglio”, promosso dalla Flc Cgil di Ancona. L’iniziativa è nata da un’indagine del comitato degli iscritti della Politecnica sul benessere lavorativo  e sulla qualità del servizio nell’università. Dalla lettura dei risultati del questionario sul benessere organizzativo nel luogo di lavoro e sulla fiducia nel sindacato e nelle istituzioni, sottoposto on line (lo scorso mese di maggio) dalla Flc Cgil ai dipendenti dell’Università Politecnica delle Marche, emerge  una buona partecipazione dei dipendenti dell’Università, complessivamente 348 partecipanti corrispondenti al 38,8% dei tecnici ed amministrativi ed al 22% dei professori e ricercatori. Dai risultati del questionario emerge una visione sostanzialmente positiva delle strutture dell’Ateneo (uffici, aule didattiche laboratori etc…), una certa prevalenza di disturbi quali irrequietezza, ansia, dolori muscolari e articolari e senso di eccessivo affaticamento (con percentuali superiori al 40 %). Vi è inoltre una percentuale significativa (22% che aumenta c/o il personale tecnico-amministrativo e diminuisce fra i professori) che dichiara soffrire o aver “a volte” sofferto di disturbi di carattere depressivo. Fra gli elementi di criticità è da rilevare la sfiducia sia verso una reale valutazione delle proprie capacità professionali e, soprattutto, sia verso la possibilità di fare carriera in base alle proprie capacità (addirittura solamente 5 intervistati, fra il personale tecnico-amministrativo ed i docenti rispondono “spesso” in merito a tale possibilità) . Fra i docenti (professori e ricercatori) emerge in particolare un giudizio critico sia sull’efficacia nella distribuzione dei fondi di ricerca sia sull’adeguatezza dei predetti fondi. Un giudizio positivo emerge invece sia relativamente ai mezzi e risorse per l’attività didattica che per quanto concerne la libertà nella scelta sulle tematiche di ricerca. Per quanto riguarda le retribuzioni il 53% ritiene “molto scarsa” o “scarsa” la propria retribuzione. Infine, buona è la partecipazione del personale universitario al mondo dell’associazionismo, mentre se è vero, anche presso la Politecnica, che il giudizio positivo sul ruolo dei partiti è estremamente basso, è anche vero che la maggioranza dei partecipanti al questionario ritiene che tale ruolo sia quanto meno “necessario anche se i partiti andrebbero riformati”. Il maggior livello di fiducia nelle istituzioni si riscontra nei confronti del Comune, e per quanto riguarda i professori, nell’Unione Europea. Infine, relativamente alla fiducia nel sindacato la stessa risulta decisamente superiore se riferita al sindacato nel proprio luogo di lavoro ed in particolare in riferimento all’incisività dello stesso.  

Lascia un tuo commento