LETTERA APERTA ALLA REGIONE MARCHE SU TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

Lettera aperta  FILT CGIL   FIT CISL   UILTrasportiSegreterie Regionali Marche                                        REGIONE MARCHEAl Presidente della Giunta Agli Assessori  Il rinvio al prossimo lunedì della discussione del bilancio, e il conseguente rinvio dell’approvazione da parte della Giunta Regionale del Documento di Programmazione dei Servizi di Trasporto Pubblico Locale, per problemi di copertura,  pone non pochi interrogativi e forti preoccupazioni. La scorsa settimana nell’incontro con l’Assessore Viventi, per discutere proprio del Documento di Programmazione dei Servizi ci era stata ventilata un’ipotesi di un ulteriore taglio lineare su tutti i servizi per coprire la somma mancante. Va ricordato che già tra il 2012 e il 2013, la Regione ha tagliato al TPL circa il 9% delle risorse e con il nuovo piano vi sarà un ulteriore aggiustamento di circa 1%, per un totale di circa il 10%, e del 4% delle risorse che di fatto abbasserebbe ancora il corrispettivo chilometrico già il più basso d’Italia. E’ chiaro che già questa impostazione di diminuzione portebbe le Aziende al collasso, in una situazione dove le stesse fanno fatica a pagare gli stipendi che sono appesi mensilmente ad un filo, e dove persino un una-tantum contrattuale di 700 euro da erogare in due tranche da 350 euro una a giugno e una a ottobre, mette in seria difficoltà le aziende che non stanno rispettando il pagamento dei primi 350 euro. Andare a togliere altre risorse sarebbe come una dichiarazione di guerra al TPL, ai cittadini che non avrebbero più il servizio, ed ai lavoratori che pagherebbero ancora una volta gli effetti di una politica dei trasporti sempre più sbagliata e miope. È ovvio che se si verificasse un’ipotesi del genere risponderemmo in maniera decisa non solo utilizzando tutto ciò di cui il sindacato dispone, ma anche con ulteriori strumenti. Vogliamo infine ricordare cosa comporterebbe la non approvazione o un semplice ritardo rispetto al Documento di Programmazione dei Servizi: si perderebbero dei contributi statali per il settore. Possiamo permettercelo?No Presidente e Assessori, non possiamo permettercelo, pertanto vi chiediamo di mantenere in essere l’attuale Fondo Trasporti che, già ora, non rappresenta più nemmeno il minimo indispensabile, perchè i tagli hanno sottratto lavoro ai lavoratori del TPL  e servizi essenziali ed indispensabili ai cittadini marchigiani. 

Lascia un tuo commento