Precari Covid: aperto il confronto con la Regione Marche

Le nuove disposizioni contenute nella legge di bilancio 2022 consentono di stabilizzare il personale precario impegnato nella fase più delicata dell'emergenza pandemica

Oggi l’avvio del confronto per individuare le modalità applicative delle stabilizzazioni del personale sanitario e socio sanitario

Si è tenuto in data odierna il confronto con il servizio salute ed i rappresentanti dei quattro enti del SSR Marche per analizzare l’applicazione dell’art. 1, comma 268, lett b L. 234/2021 anche alla luce della relativa circolare della conferenza delle regioni;

il nuovo dispositivo per la stabilizzazione dei precari “covid” è applicabile esclusivamente al personale sanitario e socio sanitario sia del comparto che della dirigenza ed individua come destinatari della stabilizzazione i lavoratori che:

– siano stati assunti a tempo determinato con procedure concorsuali

– abbiano maturato al 30 giugno 2022 alle dipendenze di un ente del Servizio sanitario nazionale almeno diciotto mesi di servizio, anche non continuativi

– abbiano prestato il servizio di cui al punto precedente per almeno sei mesi nel periodo intercorrente tra il 31 gennaio 2020 e il 30 giugno 2022

Si è quindi definito di:

– avviare una ricognizione degli aventi diritto al fine di individuare l’esatta platea dei soggetti aventi titolo

– valutare ogni utile azione al fine di massimizzare la disponibilità di dotazione organica

– valorizzare l’apporto lavorativo riconoscendo e graduando l’anzianità di servizio

– verifica dei dati relativi alle procedure di stabilizzazione già avviate

Il tavolo si aggiorna alla prima decade di settembre al fine di produrre una bozza di protocollo, nei giorni seguenti verrà realizzato un verbale con gli impegni presi dalle parti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.