SCIOPERO SCUOLA, MANIFESTAZIONE PROVINCIALE AD ANCONA: OLTRE 500 TRA DOCENTI, ATA E STUDENTI. ADESIONE NELLE MARCHE OLTRE IL 50%

FLC CGIL Marche SCIOPERO SCUOLA, MANIFESTAZIONE PROVINCIALE AD ANCONA: OLTRE 500 TRA DOCENTI, ATA E STUDENTI. ADESIONE NELLE MARCHE OLTRE IL 50%  Oltre 500 docenti, personale della scuola e studenti hanno partecipato questa mattina alla manifestazione provinciale di Ancona, proclamata dalla Flc Cgil.La manifestazione è stata organizzata in occasione dello sciopero nazionale della scuola che nelle Marche ha registrato un’adesione di oltre il 50%.Molte scuole oggi sono rimaste chiuse come la Gentile-Fermi di Fabriano, le scuole dell’infanzia di Loreto, il liceo classico Perticari di Senigallia, molti plessi dell’istituto comprensivo Pinocchio, l’istituto comprensivo Lorenzo Lotto di Jesi e molti altri della provincia.“Con lo sciopero i lavoratori dicono basta ai tagli, la scuola pubblica non è un bancomat – dichiara Manuela Carloni, segretaria regionale Flc Cgil Marche -. Siamo soddisfatti per l’esito dello sciopero con cui si chiede la stabilizzazione su tutti i posti vacanti e disponibili che nelle Marche sono oltre 3mila, il rinnovo del contratto collettivo di lavoro, lo sblocco degli scatti di anzianità, investimenti per l’edilizia scolastica, ormai ridotta in situazione molto critica,  e  la cancellazione della norma sull’aumento delle ore da 18 a 24 per il personale delle scuole medie e superiori”. A proposito di quest’ultimo punto,  per Flc Cgil è “inaccettabile che il Governo intervenga su una questione del tutto sindacale, senza ascoltare i lavoratori. Il lavoro del docente prevede tanto lavoro aggiuntivo per preparare le ore di lezione con gli studenti: questo non è in alcun modo preso in considerazione con evidente spregio dei lavoratori della scuola pubblica”. Flc Cgil Marche esprime soddisfazione anche per l’incontro con i parlamentari di Ancona, Amati e Magistrelli, e con la presidente della prima commissione consiliare, Rosalba Ortenzi: tutti hanno ascoltato le ragioni dei lavoratori e degli studenti, impegnandosi a rappresentarle nelle sedi opportune per difendere la scuola pubblica e la dignità del lavoro  > galleria fotografica 

Lascia un tuo commento