QUADRILATERO, SCIOPERO PER MANCATI PAGAMENTI

Fillea Cgil – Filca Cisl – Feneal UilSegreterie Provinciali Ancona  Le segreterie provinciali di Fillea Cgil – Filca Cisl – Feneal Uil, in riferimento alla tratta di lavori per la Quadrilatero sull’asse Perugia-Ancona, SS76, SS318, proclamano sciopero ad oltranza da oggi fino a quando non verranno pagate le competenze arretrate. La totalità dei lavoratori occupati nel lotto (circa 100 persone), cantieri di Borgo Tufico, Cancelli e Pianello (PG), non hanno ancora percepito parte del mese di luglio, la totalità del mese di agosto e l’acconto di settembre. Nonostante l’azienda abbia a più riprese comunicato per iscritto che avrebbe provveduto al pagamento, lo stesso è stato rimandato di settimana in settimana. Ancor più buie appaiono le prospettive lavorative e occupazionali tenuto anche conto del fatto che ad oggi gran parte dei lavori sono irrealizzabili a causa di mancate autorizzazioni su varianti di tracciato.  La drammatica situazione finanziaria comporta ricadute immediate sulla forza lavoro, sui fornitori, sui sub affidatari e più in generale sulle condizioni di vita e di sicurezza del personale in cantiere. Inoltre il tanto sbandierato passaggio di consegne ad Impresa SPA, ad oggi, non si è ancora concretizzato generando ulteriori incertezze sui lavoratori e sulla prosecuzione dell’opera.La scarsità di personale impone turni lavorativi ben oltre il congruo orario di lavoro; le ricadute sulla sicurezza sono ovvie ed è giusto il caso di ricordare gli incidenti anche mortali avvenuti sulla tratta Foligno-Macerata.Le condizioni logistiche di cantiere sono ai limiti della decenza, le maestranze non hanno ancora percepito l’indennità chilometrica prevista contrattualmente. I due campi base sono del tutto trascurati, si pensi che uno (Cancelli), a distanza di un anno dalla partenza dei lavori, non è ancora stato asfaltato. A tutto ciò si somma la scarsa trasparenza e l’inaffidabilità dell’azienda nelle relazioni sindacali, le lacune organizzative e i vizi di comunicazione che contraddistinguono il rapporto dipendente-azienda. L’opera dovrebbe durare quattro anni, il primo anno si è lavorato sotto organico e in condizioni emergenziali: l’auspicio è una rapida svolta nelle situazioni di cantiere e negli assetti societari, il rischio l’incancrenimento delle relazioni azienda-sindacato e azienda-lavoratore. Le segreterie provinciali Feneal-Filca-Fillea, si appellano a tutte le istituzioni coinvolte affinché si riesca, una volta per tutte, ognuno per la propria parte, ad accelerare i lavori mediante il rapido subentro di Impresa SPA, lo svincolo delle varianti ed il conseguente inserimento di nuova forza lavoro, per dare così una prospettiva di crescita al territorio e al settore delle costruzioni, martoriato dalla crisi e dalla perdita di posti di lavoro.Nell’assemblea di lunedì mattina si decideranno ulteriori iniziative di lotta e mobilitazioni da intraprendere.

Lascia un tuo commento