Un Comune, uno schermo: nuovo modo di andare al cinema

Segreteria Federconsumatori Marche   Federconsumatori in collaborazione con l’ANPCI (Associazione Piccoli Comuni Italiani) ha proposto un progetto con il quale si propone di riattivare i luoghi di grande aggregazione e trasmissione culturale quale sono stati, in passato, i piccoli Cinema di paese.Il progetto consiste nella messa a disposizione di una sala adatta per la fruizione di film e spettacoli distribuiti gratuitamente per via digitale da Cinecittà Digital Fctoring. Il cinema digitale, sintesi perfetta tra tradizione e innovazione, è la nuova realtà che sta trasformando il modo di fare e vivere il cinema. Mediante la trasmissione satellitare il Cinema Digitale permette, infatti, di abbattere notevolmente i costi del processo distributivo, con conseguente aumento dei contenuti fruibili e organizzare un palinsesto flessibile a beneficio degli utenti e di ampliare in modo considerevole la possibilità di utilizzo della sala anche in occasione di eventi in diretta (spettacoli di sport, concerti, convention, opere teatrali, ecc.)I Comuni devono assumersi il compito di acquistare e installare un server come attrezzatura necessaria per la recezione.Oggi c’è un largo uso di televisione e Internet per fruire di film e spettacoli. Questo è però un modo per lo più individuale e, comunque, privo di qualsiasi possibilità di socializzazione, confronto e approfondimento con altre persone.”Un comune, uno schermo” si propone quindi di recuperare momenti comuni, soprattutto per i giovani, attraverso i quali sviluppare capacità di valutazione e analisi Molti lamentano l’assenza di luoghi di ritrovo di socializzazione e di usufruizione di momenti di approfondimento e sollecitazione culturale per i nostri giovani. Questo è un modo concreto per assicurare ai giovani possibilità e spazi autogestiti.

Lascia un tuo commento